Paradigma Empirico-Analitico : Concetto e caratteristiche

Un paradigma è generalmente definito come un esempio o un modello che serve da riferimento per casi specifici. Ciò significa che si tratta di un termine applicabile a qualsiasi argomento, campo, area o attività in cui è necessario definire caratteristiche, usi o concetti. Ha un’importante rilevanza a livello teorico e viene spesso applicata anche nella retorica, perché è spesso associata a parabole e anche a favole.

Si tratta di un termine relativamente recente perché ha cominciato a essere usato a metà del secolo scorso. È importante in campo scientifico perché permette una migliore descrizione di alcune espressioni etimologiche, in questi casi è necessario descrivere con precisione particolari modelli di conoscenza.

Ci sono molti esempi di come questo termine viene usato per casi particolari. Nel caso dell’architettura, ad esempio, viene utilizzato per citare un modello, anche per i progetti edilizi, oltre che per quelli utilizzati da pittori e scultori.

Nel caso delle scienze sociali, quando si tratta di teorie dei sistemi, questo termine è associato al pensiero di un gruppo. È equivalente a una mentalità, un insieme d’idee o di metodi che vengono convalidati da una o più persone. In questo modo un paradigma definisce tutti i comportamenti, gli atteggiamenti e anche le credenze.

Pertanto questa parola viene utilizzata anche per indicare un modello o un modello, può anche essere associata a un archetipo. I paradigmi progettuali, applicati a qualsiasi professione legata a questa attività, cercano di descrivere funzioni e soluzioni specifiche.

Cos’è un paradigma empirico?

Il concetto di paradigma è ampio perché può essere utilizzato in diversi aspetti della vita quotidiana. È generalmente associato a idee, credenze, percezioni, pensieri, opinioni e qualsiasi punto di vista a cui si deve fare riferimento. Questi possono essere condivisi collettivamente o appartenere a una sola persona.

La concettualizzazione può creare confusione a causa di alcune imprecisioni ed errori. La verità è che è applicabile sia in campo teorico che scientifico. In modo pratico facilita la comprensione di qualsiasi idea o convinzione.

Per quanto riguarda il termine empirico, è legato all’acquisizione di conoscenza attraverso l’esperienza. Ciò significa che dipende dalla realizzazione di un processo molto specifico e dettagliato che dipende da metodi deduttivi e induttivi. Ma può anche presentare incongruenze rispetto alla logica utilizzata durante il processo, sempre in funzione dell’esperienza del ricercatore stesso e degli strumenti che ha utilizzato.

L’empirismo utilizza metodi sia qualitativi che quantitativi per raggiungere una conclusione o un obiettivo. È inevitabile che durante qualsiasi procedura ci siano prove e fonti in grado di fornire tutte le informazioni necessarie. Questi possono essere verificati in seguito e sono considerati affidabili e convincenti.

Per quanto riguarda il modo in cui questi due concetti si uniscono per creare un altro cosiddetto paradigma empirico, è necessario prendere in considerazione diversi aspetti. Questo è anche conosciuto come paradigma formale o razionalista, e di solito è classificato in una categoria positivista che non ha alcuna relazione con il dogmatismo.

Alcuni la considerano una dottrina, perché dipende dall’osservazione, dalla misurazione e dalla verifica di qualsiasi fenomeno o evento che si voglia analizzare. Gli studi condotti attraverso questo paradigma dimostrano che si mantiene una posizione pragmatica, e si potrebbero includere anche altri concetti come materialismo e riduzionismo.

Quali sono le loro caratteristiche?

La caratteristica principale del paradigma empirico sta nella formulazione di un processo di studio che dipende da un modello. Questo referente pone innanzitutto la delimitazione di un problema che a sua volta formula un’ipotesi, descrivendo successivamente gli obiettivi da raggiungere durante la ricerca.

Si potrebbe dire che questo tipo di paradigma funziona come uno scopo specifico, che è quello di trovare la conoscenza attraverso risorse formali. Questo dipenderà da diverse variabili che sono state precedentemente considerate, ognuna delle quali viene rappresentata e poi trasformata in altri tipi di riferimenti che influenzano anche i risultati.

Viene utilizzato un metodo ipotetico, induttivo o deduttivo. Questo tipo di paradigma ci permette di mantenere una visione più unitaria del mondo. Si tratta di capire oggetti semplici o complessi, ma che possono anche esistere o che stanno per essere creati.

La metodologia utilizzata deve essere preventivamente testata e accettata per garantire l’affidabilità. Questo dipende in gran parte dalla direzione che prenderà l’indagine; è anche importante avere un background in cui si fanno congetture che potrebbero poi essere confutate. La critica e la messa in discussione di qualsiasi idea è costantemente praticata.

Una delle risorse più utilizzate è la statistica, che ci permette di arrivare ha risultati che generalmente esprimono meglio il rapporto tra causa ed effetto. Ogni realtà viene affrontata tenendo conto di ciascuna delle sue componenti e anche dei diversi tipi d’interazione che possono essere generati.

Questo tipo di paradigma è solitamente utilizzato in matematica per descrivere modelli sistemici, che permettono la creazione di relazioni formali tra i fenomeni. Si stabilisce un quadro di riferimento definito da principi, tendenze e altre norme di base. Per esempio, si applica in problemi dove c’è complessità organizzativa, diversi livelli vengono innalzati all’interno di una struttura gerarchica ponendo leggi sistemiche.

In questo tipo di paradigma, l’obiettività è importante così come l’imparzialità, entrambe essenziali per gli studi scientifici. Qualsiasi giudizio di valore o tentativo ideologico contro la legittimità del processo. È importante limitare queste espressioni per non compromettere la riflessione e l’interpretazione dei risultati.

La ricerca scientifica è importante perché permette lo sviluppo della conoscenza, che porta a nuove scoperte. Il paradigma empirico è un metodo che combina l’osservazione e la riflessione quando si studia un qualsiasi fenomeno. In questo modo, a posteriori, si stabiliscono leggi generali che permettono una migliore comprensione delle cause e degli effetti di un determinato contesto.

Incorporando nuove informazioni, ogni conoscenza precedentemente conosciuta viene rafforzata, cambiando così le credenze e le tendenze che sono state seguite fino a ora. Le verità precedentemente raggiunte vengono testate e supportate, così come le soluzioni a problemi specifici possono essere identificate presentando un’ipotesi o la conclusione di un’analisi.

Si consiglia la lettura:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie politica dei cookie. ACEPTAR

Aviso de cookies