Molestie immobiliari : Concetto, come identificarlo e fermarlo

Sono sempre più numerosi i casi di conflitto tra i quartieri e tra i proprietari delle case e i loro inquilini. Si tratta di un fenomeno che è diventato comune nelle grandi città o nelle zone in cui risiede una parte più consistente della popolazione. Si chiama mobbing immobiliare e può verificarsi in modi diversi, le sue implicazioni psicologiche sono importanti.

Le vittime soffrono di ripetute e quotidiane molestie volte a danneggiare la loro integrità e quella dell’abitazione che occupano. Questo influisce anche sulla stabilità familiare ed economica, ha anche implicazioni sociali che continueranno a essere presenti a lungo termine. È una situazione in cui le persone coinvolte cominciano a soffrire le conseguenze fisiche, mentali ed emotive.

Cos’è il mobbing immobiliare?

Le molestie sulla proprietà sono definite come un insieme di pratiche antisociali che cercano di offendere e abusare degli altri, questo avviene attraverso l’attacco o la distruzione di proprietà private. In altre parole, si tratta di una situazione in cui è coinvolta la violazione dell’utilità personale negli spazi in cui vivono le vittime.

Questo tipo di situazione si verifica di solito in residenze o luoghi dove ci sono conflitti tra vicini. Può anche riferirsi all’azione d’invasione da parte di persone che non hanno i permessi necessari per abitare spazi a cui non hanno diritto. È una terminologia che viene utilizzata direttamente per definire quelle situazioni in cui viene violata la sicurezza fisica, legale ed emotiva delle abitazioni o degli edifici residenziali.

Questi atti di vandalismo possono verificarsi in modi diversi, menzionando principalmente reati come la distruzione della struttura fisica, l’interruzione dei servizi di base come l’acqua e l’elettricità, il mancato rispetto delle regole di convivenza e anche il mancato rispetto dei limiti stabiliti per la proprietà privata. Possono essere coinvolte diverse persone, alcune delle quali sono elencate come molestatori e altre come vittime.

In alcuni casi si tratta di un termine che può essere associato a casi di criminalità e di frode immobiliare. Si tratta di reati in cui il denaro viene rubato con la promessa di concedere permessi per provare l’acquisto di proprietà come case e appartamenti. Comunemente, dal punto di vista della legge, è in atto una frode che non solo lascia conseguenze economiche, ma anche le persone coinvolte sono psicologicamente danneggiate.

Quali sono le sue caratteristiche?

Una delle caratteristiche principali delle molestie e dell’arredamento sta nella generazione di un rapporto conflittuale, che di solito coinvolge due protagonisti di cui uno occupa il ruolo della vittima. Questa persona comincia a subire abusi di vario tipo, ma soprattutto questi sono finalizzati a danneggiare la sua proprietà e possono anche compromettere la sua integrità fisica. Il molestatore pianifica le sue azioni per disturbare la pace della persona che viene molestata, questo può avvenire per omissione o per azione diretta e indiretta.

La creazione di un ambiente ostile si realizza attraverso abusi che riguardano non solo l’aspetto materiale, ma anche gli aspetti sociali e personali della vittima. Di conseguenza, la persona che viene molestata deve adottare misure drastiche e inaspettate, per cercare di stabilire limiti che tutelino la sicurezza della sua casa e di se stessa.

Le cause più comuni di molestie patrimoniali sono le seguenti. Possono verificarsi insieme ma anche in modo isolato, e possono continuare per periodi di tempo variabili. Sono le seguenti:

  • Conflitti generati dalla riscossione dell’affitto o dalla locazione di un immobile.
  • Rifiuto di accedere a forniture o servizi di base Essenziale per l’igiene Questo può essere il caso dell’acqua, dell’elettricità o anche dell’utilizzo dell’ascensore.
  • Atti di molestia in cui le vittime possono essere costantemente monitorate. Possono essere attaccati fisicamente quando tentano di entrare o di uscire di casa.
  • Gli spazi che gli appartengono per legge possono essere soggetti ad atti di vandalismo. Dalla distruzione all’occupazione o all’appropriazione indebita.
  • Atti di violenza che violano l’incolumità fisica e la sicurezza di terzi direttamente collegati alle vittime.

Altre caratteristiche comuni che si verificano in questo tipo di casi sono descritte di seguito. È importante chiarire che non devono necessariamente essere presentati tutti insieme, ogni situazione è diversa e quindi la situazione dovrebbe essere analizzata in dettaglio. Sono le seguenti:

  • Può costituire una sorta di discriminazione in particolare. Ad esempio, in modo ingiustificato i proprietari di un immobile potrebbero aumentare drasticamente il valore dell’affitto. Ciò può essere dovuto a cause come il razzismo o il sessismo.
  • Un locatore potrebbe applicare strategie che violano la sicurezza psicologica della persona colpita. Questo viene fatto tagliando i servizi elettrici o idrici, che costringerebbero la vittima a pagare spese extra per le riparazioni o l’installazione.
  • Danni deliberati da parte degli inquilini per danneggiare la proprietà privata dei proprietari reali. In altre parole, negli alloggi in affitto gli occupanti possono compiere queste azioni rifiutando di pagare o con altri tipi di conflitti.
  • Ci possono essere controversie tra vicini che generano minacce dirette o indirette da parte dei proprietari. La convivenza comincia a essere più difficile, costringendo alcuni dei soggetti coinvolti a lasciare le loro case disabitate, questo di solito avviene in blocchi di edifici.
  • Il molestatore mostra un comportamento che ha un carattere offensivo e inquietante. Questo stesso comportamento può alla fine aumentare d’intensità, ponendo la vittima in una situazione di pericolo eminente.
  • Da un punto di vista psicologico, è essenziale denunciare le molestie immobiliari a enti civili e governativi. Lascia sequel per tutta la vita come l’ansia, la depressione, il disordine disadattivo o il disturbo post-traumatico da stress (PTSD).
  • Di solito si verifica in un settore della popolazione che è interessato da scarse risorse economiche ed educative. In altre parole, il basso livello culturale lo rende incline alla creazione di conflitti che di solito si verificano per motivi apparentemente irrilevanti.
  • In caso di sfratto, le persone che hanno subito tali azioni possono iniziare a molestare i responsabili della situazione. Implica pressioni psicologiche perché si tratta di decisioni che in alcuni casi non tengono conto della situazione personale delle persone colpite. Si raccomanda di cercare di raggiungere accordi.
  • Sono compresi anche i casi in cui l’involucro non è conforme alle norme vigenti, quindi non c’è spazio sufficiente per essere abitato. I proprietari obbligano gli inquilini a riparare i guasti, a farsi carico delle spese di manutenzione e a risolvere l’assenza di servizi domestici. Questo avviene sotto la minaccia dello sfratto.
  • Nel settore immobiliare, l’elevato aumento dei pagamenti per l’affitto può verificarsi, le case sono diventate un business molto redditizio per le aziende che si occupano di questo settore.

Come viene identificato? Esempi

Questo fenomeno viene solitamente identificato quando le persone coinvolte iniziano a manifestare sintomi psicologici. In altre parole, è possibile individuare la presenza di un evento traumatico che può essere evitato, cosa che è comune nelle vittime. Altri sintomi sono l’irritabilità e la stanchezza, patologie direttamente legate a questo tipo di molestie. Possono anche soffrire di disturbi del sonno e di stress, il che dipende da una diagnosi psicologica appropriata.

Questo tipo di maltrattamento dipende da una valutazione psicologica e anche da una perizia, per la quale vengono applicati colloqui clinici e un’analisi della situazione attraverso la documentazione e le prove. La diagnosi psichiatrica mostrerà quando c’è un danno psicologico e morale nella vittima. Queste stesse risorse possono essere utilizzate insieme alle argomentazioni quando il reclamo formale viene presentato alle autorità, ad esempio, può essere richiesta una compensazione finanziaria.

Ogni caso di mobbing immobiliare ha le sue caratteristiche particolari, le persone coinvolte possono avere intenzioni diverse. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è stato osservato che un elemento comune è legato al fattore economico. Questo è particolarmente rilevante quando si osserva che i molestatori sono agenti immobiliari, anche se potrebbero essere anche vicini di casa o persone vicine a loro che vogliono realizzare un profitto.

Un’altra caratteristica comune è in relazione ai conflitti generati dal pregiudizio razziale. Nelle arie presidenziali, gli abitanti che si trovavano già in questi spazi potrebbero non essere d’accordo con l’arrivo di nuovi vicini. Inoltre, i nuovi proprietari potrebbero non essere conformi alle aspettative della comunità.

È stato inoltre osservato che queste situazioni possono derivare dalla violazione dei contratti per il pagamento o l’acquisto di un immobile. Vale a dire che alcuni residenti potrebbero interferire per raggiungere una convivenza calma e pacifica. Quando ricevono commenti sull’argomento per cercare di cambiare il loro comportamento, queste stesse persone potrebbero iniziare ad aumentare l’intensità e la continuità di queste azioni. Di conseguenza, i vicini ne saranno colpiti senza sapere come stabilire limiti definitivi.

Passi e risorse per affrontarlo

A seconda del tipo di situazione che si sta generando, si dovrebbero applicare alcuni metodi che consentano alle vittime di fissare dei limiti. Come spiegato sopra, lo stalking può avvenire in modi diversi e quindi la situazione dovrebbe essere analizzata per trovare le soluzioni più appropriate.

Di solito la prima raccomandazione è quella di abbandonare o di smettere di visitare lo spazio fisico in cui si verificano questi eventi. In un modo momentaneo il campo d’azione per il molestatore o gli accusatori viene limitato. Il passo successivo è quello di presentare un reclamo formale alle persone o agli enti incaricati di affrontare questo tipo di situazione.

Si possono pianificare diverse strategie che possano garantire la sicurezza personale sia fisica che psicologica. È inoltre essenziale definire quali azioni che si sono verificate durante questo processo possono essere definite all’interno dello spettro del legale e dell’illegale. Allo stesso modo, si dovrebbe cercare l’aiuto di persone specializzate, come gli avvocati con esperienza nei conflitti residenziali. Il codice penale di ogni nazione dispone d’informazioni che specificano quali azioni legali possono essere intraprese.

Nelle situazioni in cui si è verificata un’effrazione, oltre a minacce o coercizione, è necessario chiamare immediatamente la polizia. Alcuni reati possono essere considerati minori, ma ci sono anche situazioni in cui per un lungo periodo di tempo si è fatto ricorso alla risorsa di diffondere calunnie e insulti. Queste azioni possono essere punite come abusi e lesioni all’integrità morale delle persone a causa delle loro conseguenze psicologiche.

Vi consigliamo di leggere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie politica dei cookie. ACEPTAR

Aviso de cookies