COMUNICAZIONE : Concetto, caratteristiche e classificazione

La comunicazione è un processo di scambio d’informazioni. Gli esseri umani lo usano per condividere esperienze, idee, desideri, opinioni e anche sentimenti. La chiave del suo funzionamento sta nella reciprocità di questo rapporto.

Dal punto di vista psicologico, è importante studiare come funziona la comunicazione nella società. Intendendolo in un altro modo, questo è un comportamento di base, questo è dovuto al fatto che si genera un’interazione; che è costituita da sequenze verbali e gestuali.

Non funziona solo per informare, ma serve anche a persuadere sulle decisioni e le azioni degli altri. La comunicazione avviene quotidianamente, fa parte dell’instaurazione di relazioni affettive e professionali. Mantenere uno stretto contatto con le altre persone è fondamentale per gli esseri umani.

Per poter comunicare socialmente, ogni individuo sviluppa tecniche che lo aiutano a comprendere i propri interlocutori. A volte è necessario apportare cambiamenti nei comportamenti, ma in aggiunta vengono incorporate tecniche strategiche che sono state create in base a come la società si è evoluta.

Cos’è la comunicazione?

La comunicazione è definita come il processo di scambio in cui sono coinvolti un mittente e un destinatario. Un messaggio viene trasmesso utilizzando un canale che facilita questa azione. È un termine ampiamente utilizzato per indicare il trasporto di qualcosa, dal punto di origine alla destinazione.

La comunicazione fa parte delle relazioni degli esseri umani, perché in questo modo la vita nella società è condivisa. Si compone di diversi elementi che sono: mittente, destinatario, codice, messaggio, canale, canale, rumore, feedback e infine un contesto.

In psicologia, la comunicazione è un’attività che le persone svolgono consapevolmente. Si cercherà la partecipazione di due o più persone che condividano la gestione dello stesso sistema di regole o di segni. Si tratta di componenti fondamentali del linguaggio, lo scambio di dati dipende da questo.

Etimologicamente, la parola comunicazione ha la sua origine nel termine latino “comunicare”, che significa “condividere o mettere in comune”. Questa parola definisce esattamente questo fenomeno realizzato da individui che vivono insieme nello stesso gruppo. Non è solo un’attività svolta da persone, ma anche da animali e altri esseri viventi che mantengono la comunicazione con il loro ambiente.

Caratteristiche ed esempi

Il processo di comunicazione è costituito da una serie di caratteristiche eccezionali. Vale a dire, diversi aspetti sono essenziali per potersi impegnare in questa azione in modo molto più efficace.

La prima di queste caratteristiche è la partecipazione del mittente e del destinatario. Il messaggio parte da un punto di origine che è il mittente, una volta inviato deve essere intercettato dal mittente. Quest’ultimo è responsabile della sua interpretazione. Altre caratteristiche rilevanti sono menzionate qui di seguito:

  • La comunicazione è un processo dinamico. Si scambiano i ruoli del mittente e del destinatario, che si possono vedere durante le conversazioni.
  • È una parte essenziale della convivenza e dell’organizzazione a livello sociale. Ogni persona che fa parte di una comunità userà la comunicazione per esprimere se stessa e per trasmettere idee od opinioni. Tutto questo avviene praticamente nello stesso momento.
  • L’interazione tra persone e gruppi sociali dipende anche dall’uso di un codice comune.
  • Si caratterizza per la coerenza e il trattamento rispettoso tra i partner. Tuttavia, ciò potrebbe non essere sempre vero.
  • Si può dire che la comunicazione avviene inconsciamente e non può essere evitata. Il processo di comunicazione si svolge continuamente in modi diversi.
  • Il processo è costituito da una sequenza dinamica, ogni partecipante interviene in misura maggiore o minore; a seconda delle circostanze.
  • A volte ci saranno difficoltà nella trasmissione. La comunicazione può presentare errori nel suo funzionamento, legati a un’interpretazione errata, alla mancata comprensione o all’imprecisione del messaggio. Questi problemi dipendono dalla conoscenza e dalla formazione sia del mittente che del destinatario.

Si deve anche considerare l’esistenza di vari tipi di comunicazione. A seconda dei mezzi utilizzati e dello scopo di questo processo. In ognuno di essi si possono individuare una serie di aspetti particolari, che sono diversi. Alcune caratteristiche sono menzionate qui di seguito:

  • La comunicazione dipende da competenze quali l’empatia, la negoziazione, la comprensione, la comprensione, la persuasione e la credibilità.
  • Si aggiungono altre qualità come la capacità di risoluzione dei conflitti e la convalida emotiva.
  • A volte la comunicazione può essere con se stessi (interpersonale), con la partecipazione di persone che si scambiano costantemente i ruoli di mittente e di destinatario (bilaterale) e possono partecipare anche più persone (collettiva).
  • Vengono utilizzati canali diversi, che dipendono dai sensi. Pertanto, ci sono canali audiovisivi, digitali, stampati, telefonici e altri canali.
  • Lo scopo di questo processo varia in ogni caso. La comunicazione può svolgere il compito di organizzare, educare, pubblicizzare, ordinare e influenzare, ad esempio.

Ci sono diversi esempi che aiutano a comprendere le funzioni che la comunicazione svolge in termini psicologici e sociali. Per quanto riguarda la funzione informativa, essa si esprime chiaramente nel ruolo che le notizie televisive e la stampa scritta svolgono nella società.

Per quanto riguarda la funzione di persuasione, la comunicazione si esercita attraverso la pubblicità commerciale o politica. Per la formazione delle persone, i diversi processi utilizzati negli ambienti educativi aiutano questa funzione. Troviamo anche esempi di comunicazione per l’intrattenimento nei social media di massa utilizzati oggi. Oltre ha social network, vengono presi in considerazione anche film, musica e serie musicali, oltre ad altri.

Classificazione dei tipi di comunicazione

Secondo il criterio utilizzato, si può stabilire una particolare classificazione dei diversi tipi di comunicazione. Sono stati individuati diversi aspetti relativi allo schema di base con cui si svolgerà il processo di comunicazione.

Ciò significa che i ruoli di mittente e destinatario possono essere diversi in ogni caso. Inoltre, anche il messaggio inviato e il canale selezionato possono variare. Di seguito sono descritti i tipi di comunicazione di base:

  • La comunicazione verbale è caratterizzata dall’uso di un linguaggio fatto di parole che possono essere pronunciate. Cioè, l’interazione tra il mittente e il destinatario si basa sull’espressione orale.
  • La comunicazione scritta, come indica il suo nome, dipende dall’uso di segni o codici espressi per iscritto. Questo tipo di comunicazione è ampio perché si possono utilizzare alfabeti, geroglifici, loghi, loghi, segni e qualsiasi altro tipo di linguaggio simile.
  • La comunicazione non verbale affronta gli aspetti inconsci dell’interazione umana. Questi includono la voce, i gesti o i movimenti del corpo, che dipendono dall’uso delle mani, degli occhi e delle posture.

Si potrebbe dire che si tratta di una tipologia più complessa, perché ogni persona impara a interpretare queste comunicazioni in modo automatico e involontario. A volte si vede che non ci sono coincidenze nel significato assegnato allo stesso elemento.

Sono presi in considerazione altri tipi di comunicazione, uno dei più importanti è quello noto come comunicazione di massa. Ciò si identifica con l’utilizzo di nuovi canali di trasmissione dati, che dipendono dalle più recenti tecnologie. I media audiovisivi e digitali si distinguono. Di seguito sono descritti altri tipi di comunicazione:

  • La comunicazione assertiva è legata alla capacità di mostrare segni di competenza a livello sociale. In questo modo, si può discutere e pianificare sulla base delle proprie idee e opinioni.
  • La comunicazione intrapersonale è caratterizzata dall’instaurazione di un contatto con se stessi. Le persone sono più consapevoli del loro stato emotivo, si potrebbe dire che è un processo riflessivo.
  • La comunicazione interpersonale si riferisce alla creazione di un legame più stretto con se stessi e con gli altri come conseguenza. Rispetto alla comunicazione intrapersonale, in questo caso c’è una comunicazione intima che non permette necessariamente una connessione con il mondo esterno se si sceglie di farlo.
  • La comunicazione paralinguistica combina diversi elementi. Oltre a quelli linguistici, i segnali non verbali sono presi come riferimento. In questo modo vengono contestualizzate e suggerite diverse interpretazioni delle stesse informazioni.

Quali sono le sue funzioni e la sua importanza?

La comunicazione è un processo dal quale si possono distinguere diverse funzioni di base. Per diversi motivi, le persone possono stabilire relazioni comunicative e, a seconda dell’obiettivo da raggiungere, si utilizzeranno metodologie adattate alle circostanze. Le cinque funzioni principali sono descritte di seguito:

  • La funzione informativa viene svolta in modo obiettivo. I dati che vengono condivisi si basano su ricerche precedenti o sull’uso di riferimenti verificabili.
  • La funzione persuasiva è fondamentalmente quella di convincere il destinatario. Le decisioni e le azioni possono anche essere modificate per raggiungere uno scopo specifico.
  • La funzione di formazione consiste nel trasmettere idee che aiutano a educare o ad ampliare le conoscenze del destinatario. Vengono condivisi dati che si rivelano nuovi e che possono essere inclusi nel sistema di credenze.
  • La funzione d’intrattenimento dipende dalla condivisione di messaggi il cui contenuto garantisce il divertimento di tutti i partecipanti.
  • La comunicazione assertiva permette di esprimere in modo semplice, chiaro e tempestivo le proposte o le idee del mittente. Prende anche in considerazione le esigenze del ricevitore.

Il modo in cui si può osservare la comunicazione gioca un ruolo essenziale nell’instaurazione di relazioni sociali. Così, le persone possono informarsi e informarsi condividendo tra loro esperienze, conoscenze, opinioni e anche sentimenti. Le persone saranno in grado di raggiungere ogni obiettivo, trasmettendo le loro idee e cercando la comprensione e la comprensione delle altre persone.

Il processo di apprendimento e d’insegnamento dipende interamente dalla comunicazione. Pertanto, le persone acquisiscono competenze di questo tipo che forniscono loro molteplici vantaggi. Ogni rapporto umano si realizza con questo mezzo, è considerato uno strumento essenziale per la sopravvivenza di tutti gli esseri viventi.

Vi consigliamo di leggere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie politica dei cookie. ACEPTAR

Aviso de cookies