COME e PERCHÉ accettarsi? 11 tasti

Gli psicologi considerano il processo di accettazione come uno dei più importanti, ma allo stesso tempo uno dei più difficili da superare. Considerando che ha un impatto molto importante sull’autostima, diventa un processo fondamentale per condurre una vita normale. Allo stesso modo, influenza il modo in cui ci relazioniamo con gli altri, diventa una dinamica basata sullo scambio d’informazioni.

In generale si osserva che alcuni individui presentano maggiori difficoltà a raggiungere l’auto accettazione, mentre altri possiedono maggiori capacità psicologiche per affrontare questo processo. Allo stesso modo, dovrebbero essere presi in considerazione anche fattori esterni come le opinioni altrui e i pregiudizi sociali. Nel complesso, si tratta di una molteplicità di elementi che interagiscono con il processo di accettazione di una persona.

In questo articolo spiegheremo quali sono i consigli e i passi che dovrebbero essere presi in considerazione per raggiungere l’auto accettazione. Allo stesso modo spieghiamo qual è la loro importanza e come questo permetterà di avere una vita più felice e più stabile.

Cos’è l’auto-accettazione?

L’accettazione è una capacità umana, descritta dalla psicologia come una qualità indispensabile per affrontare la vita, non così idealmente concepita, ma così com’è, senza sotterfugi. Si tratta di accettare le situazioni buone e soprattutto quelle cattive, quelle spiacevoli e laceranti, con carattere e determinazione, assumendo ciò che umanamente non può essere controllato, alterato o affrontato.

L’accettazione non sempre si ottiene da un giorno all’altro, quindi è intesa più come un processo di assimilazione, di condiscendenza e di adattamento. Non è un processo di guerra. L’accettazione fa parte di un conglomerato di tratti di maturità psicologica nell’adulto.

L’accettazione o l’acquiescenza a una particolare realtà aggiunge sicurezza emotiva, capacità d’impegno, abilità gregarie (che implicano fiducia, empatia, tolleranza e sincerità, tra le altre); abitudini di apprezzamento realistico; capacità di attenzione e di risoluzione dei problemi; capacità autocritica e introspettiva; e l’appropriatela di una filosofia di vita coerente, in cui coesistono valori e consapevolezza personale.

Perché è importante accettare se stessi?

Gli psicologi concordano sul fatto che l’autostima dipende in gran parte dal grado di accettazione che si ha di se stessi. Considerando l’importanza che questo aspetto ha, non deve essere ignorato, quindi è importante fornire sostegno a quelle persone che hanno difficoltà durante l’infanzia e l’adolescenza per affrontare questo problema.

È impossibile definire la qualità dell’accettazione al di fuori di ciò che essa implica nell’insieme degli aspetti qualitativi della vita dell’adulto. Quando si parla di accettazione, entrano in gioco l’importanza delle relazioni interpersonali (l’ambiente sociale), la consapevolezza del tempo e del luogo, la capacità di risolvere i conflitti e infine lo sguardo interiore, la capacità di conoscere se stessi, di essere consapevoli di se stessi e dei propri valori e limiti.

L’accettazione comporta quindi, dal punto di vista psicologico, il sapersi adattare per preservare il benessere emotivo. La nozione di adattamento è simile a quella di accomodamento e adattamento, che designa la capacità dell’individuo di adattare il proprio comportamento alle variabili e alle componenti dell’ambiente in cui si sta sviluppando.

Nelle scienze sociali, il termine “adattamento” implica l’accoppiamento dell’individuo all’ambiente fisico o socioculturale, nel qual caso il soggetto accetta le norme, i valori, i concetti, l’instaurazione di una particolare realtà sociale.

In psicologia, l’accettazione, in quanto qualità della persona adulta, implica capacità di adattamento a un sistema, a una realtà o a uno stato di situazioni esistenti, che il soggetto non può cambiare o controllare. Da questo punto di vista, l’accettazione non è sinonimo di sottomissione o di rassegnazione; al contrario, indica forza di carattere.

Senza la capacità di accettare le cose così come sono, nelle circostanze sopra descritte, l’individuo sarebbe bloccato nell’autoflagellazione psicologica. Pertanto, grazie all’accettazione, le persone progrediscono e raggiungono il loro sviluppo personale.

L’importanza dell’accettazione è evidente. Stati personali e circostanze non molto favorevoli o per nulla accettate dall’individuo lo trasformano. L’accettazione attiva le capacità di adattamento e, allo stesso tempo, rende possibili gli adattamenti e l’apprendimento necessari. Nella teoria psicologica, questo processo di assimilazione si chiama coping ed è indispensabile negli scenari a venire.

Inteso come principio di azione, l’accettazione si traduce in una continuazione della vita con nuove esperienze e una migliore conoscenza di sé. L’individuo, alla fine, diventa più resistente, aggiungendo una maggiore capacità di discernimento emotivo e di autoregolazione. Le funzioni e i vantaggi dell’accettazione coprono un ampio spettro. In sintesi, sono presentati qui di seguito:

  • C’è un accoppiamento con la realtà. L’accettazione incoraggia la formazione di giudizi più accurati.
  • Rinnovata consapevolezza (apprendimento). L’individuo si trasforma.
  • Le possibili alternative vengono messe in pratica. L’individuo è sbloccato.
  • Le risorse energetiche e temporali dell’individuo sono ottimizzate dopo l’accettazione dei conflitti nella loro giusta misura.
  • Si rafforza la capacità di resilienza per padroneggiare le vicissitudini future.
  • L’individuo guadagna in autostima; rinnova o ripristina la percezione dell’idoneità e dell’autocontrollo.

11 passi verso l’accettazione di sé e la felicità

Considerando che ogni persona è diversa dall’altra, questi consigli sono fondamentali e costituiscono una base stabile per un piano più complesso, adattato alle esigenze del paziente. Ciò significa che alcuni di essi potrebbero avere più applicazioni o risultati in certi casi. Tuttavia, è importante prestare attenzione a essi perché consentono d’individuare aspetti che potrebbero non essere stati presi in considerazione. Sono le seguenti:

  1. Il primo passo verso l’accettazione è quello di realizzare gli scenari o gli eventi spiacevoli della propria vita che non si possono alterare, sia perché sono fuori dal proprio controllo, sia perché non si ha il controllo su di essi. In termini metaforici, si tratta di visitare le emozioni dolorose, ascoltarle, distinguerle, senza giudicarle o cercare di annientarle. Questo primo passo serve a sviluppare una sorta di omeostasi emotiva.
  2. Eseguite un esercizio di accettazione di questi scenari ed eventi, indipendentemente dalla loro natura e forma, orientando le vostre energie, pensieri e comportamenti verso il raggiungimento dell’accettazione.
  3. Invece di lottare con realtà che non sono sotto il tuo controllo, dovresti integrarle nella tua vita. Un’altra opzione è quella di concentrarsi su ciò che è alla vostra portata, rivedendo le alternative e agendo di conseguenza. Se è inutile cercare di fare qualcosa, state attenti e concentratevi su ciò che potete fare per sentirvi meglio.
  4. L’accettazione della realtà non implica inazione e rassegnazione. C’è sempre spazio per qualche azione da migliorare in un determinato contesto. La cosa fondamentale è concentrarsi su ciò che è alla vostra portata e non cadere nella pigrizia della conformità.
  5. Aumenta la tua resistenza alle emozioni negative, come la tristezza, la paura, ecc. È un esercizio introspettivo di riconoscimento delle emozioni, un’auto osservazione di come e dove le si provano. Come esercizio di routine è utile. L’accettazione passa attraverso il riconoscimento.
  6. Emozioni come l’ansia, invece di evitarle, devono essere osservate. In psicologia si riconosce che l’evitamento esperienziale porta piuttosto alla perpetuazione di emozioni angoscianti e porta alla psicopatologia. Inoltre, gli psicologi avvertono che le emozioni che generano dispiacere devono essere identificate, sentite, espresse, normalizzate e accettate. Questo è il punto di partenza per conquistare la soddisfazione personale.
  7. Adattarsi piuttosto che brontolare. La domanda chiave è: cosa succede e cosa fa? Le emozioni e le realtà devono essere affrontate con intelligenza. Bisogna assimilare lo stato attuale delle cose, il reclamo non porta a nulla. L’intolleranza al dolore emotivo impedisce al soggetto di negare ciò che è accaduto. Lavorare per superare la negazione.
  8. Un altro passo necessario per l’accettazione personale è la razionalizzazione delle cause dei loro conflitti e problemi, spogliandoli di fattori casuali, paranormali, magici, ecc. Più in particolare, credere che la fortuna o il karma siano responsabili dei loro problemi non aiuta in alcun modo ad accettarli. Il fallimento, per esempio, non è dovuto agli angeli o ai demoni sciolti che hanno complottato contro di loro.
  9. Deve prenderne coscienza. Accettare è capire. Il rifiuto non è accettazione. Appello alla comprensione dei fatti tenendo conto che la realtà ha molteplici sfumature; le regole morali inamovibili favoriscono le percezioni estremiste e la costante idea d’ingiustizia.
  10. La vita comporta un lungo processo di apprendimento che termina solo con la morte. Come quasi tutto, l’accettazione non nasce con l’individuo, ma consiste in un lento processo di apprendimento. La pazienza è una virtù poco apprezzata ma molto utile.
  11. L’apatia è avversa all’accettazione e l’incertezza fa parte della vita. L’accettazione trova difficoltà negli individui che hanno poca tolleranza per l’incertezza come condizione naturale della vita.

Come si può vedere dai consigli di cui sopra, è possibile ottenere l’accettazione di se stessi. Tuttavia, è importante notare che non sempre si ottengono gli stessi risultati nello stesso periodo di tempo. Per alcune persone è possibile che sia necessaria una maggiore dedizione e pazienza, alla fine, quando si raggiunge l’età adulta, l’individuo avrà accettato alcuni aspetti personali che prima erano in conflitto.

Vi consigliamo di leggere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie politica dei cookie. ACEPTAR

Aviso de cookies