Asintotico | Concetto, caratteristiche ed esempi

Nel campo della medicina, ci sono molte condizioni mediche che possono essere rilevate dopo che i sintomi si sono manifestati. I pazienti possono attestarlo perché per vari periodi di tempo provano sensazioni e disagi che indicano un cambiamento importante nel funzionamento del corpo. Allo stesso modo, i medici possono identificarli con vari metodi che possono fornire risultati sia quantitativi che qualitativi.


Tuttavia, alcune delle condizioni mediche finora identificate hanno la particolarità di essere asintomatiche. Ciò significa che non si possono osservare segni o cambiamenti nella salute del paziente, le cui cause sono diverse.


Che cos’è asintomatico?


Il termine asintomatico in medicina si riferisce a condizioni come malattie e altre patologie che sono caratterizzate da assenza di sintomi facilmente rilevabili. Ciò significa che ci sono condizioni che possono influenzare lo stato di salute, senza che il corpo mostri segni dei cambiamenti che si sono verificati.


La parola ha la sua origine etimologica nella parola latina “sintomo” che può essere tradotta come segno di qualcosa che può accadere in futuro. Di solito zero sarà utilizzato in campo medico per riferirsi alla mancanza di prove dell’esistenza di una malattia. Sebbene possa anche riferirsi ai fenomeni narrati dai pazienti, essi possono avvertire l’esistenza di un’anomalia nell’organismo.


La maggior parte delle malattie dell’uva si sentirebbe da un processo derivato da un’alterazione dello stato ontologico della salute. Di conseguenza, si può dire che le malattie sono generate da fattori sia intrinseci che esterni all’organismo.


Per quanto riguarda le condizioni asintomatiche, i pazienti di solito vanno dal medico indicando la sofferenza dei cambiamenti che solo loro possono notare. Tuttavia, dal punto di vista del medico, non vi è alcuna chiara indicazione dell’esistenza di una specifica malattia. Quando un individuo a è asintomatico e si riprende da un disturbo, non sperimenterà più i sintomi sopra descritti.


Le malattie che non generano sintomi spesso passano inosservate, una piccola percentuale di pazienti riesce a notarle. In questo senso, le malattie asintomatiche possono essere individuate solo dopo molteplici esami medici di verifica.



Quali sono le loro caratteristiche?


La caratteristica principale delle malattie e delle condizioni asintomatiche è la mancanza di sintomi. In breve, sono condizioni che non sono rilevabili perché i sintomi non sono evidenti. Le persone che hanno sviluppato una malattia di solito si considerano in buona salute, tuttavia alcuni di loro possono rilevare piccoli cambiamenti a cui di solito non viene prestata molta attenzione.


Altre caratteristiche comuni delle malattie asintomatiche sono descritte di seguito. È importante ricordare che gli esami medici di routine aiutano a garantire che possano essere individuati precocemente. Queste sono le loro caratteristiche:



  • Le condizioni asintomatiche possono alla fine sviluppare sintomi. Ciò avviene in ritardo e, per vari motivi, sarà necessario attendere l’evoluzione delle condizioni del paziente per fornire il trattamento richiesto.

  • Possono essere curati da soli o diventare condizioni benigne.

  • È necessario eseguire esami medici per la rilevazione, a volte i risultati possono non essere conclusivi.

  • Queste sono solitamente condizioni che richiedono un trattamento prolungato per lunghi periodi di tempo. Ciò è dovuto alla possibilità di non essere individuati in tempo, per evitare di sviluppare ulteriori problemi medici si consiglia di eseguire esami medici di routine.

  • Esistono condizioni asintomatiche di tipo infettivo che possono essere diffuse ad altre persone. Ciò avviene attraverso il contatto diretto con il paziente o il contatto con sostanze presenti nel corpo come la saliva. L’infezione si verifica senza che nessuno se ne accorga.

In alcuni casi si ritiene che la mancanza di sintomi possa essere dovuta a una particolare reazione del corpo della persona. In altre parole, è possibile che la buona salute del paziente non gli consenta di reagire negativamente. Il sistema è in grado di contrastare efficacemente i suoi effetti. Ad esempio, gli individui che non hanno difese e un sistema immunitario depresso hanno più probabilità di mostrare sintomi più facili da individuare.


Esempi


Ci sono diversi esempi di malattie e condizioni considerate asintomatiche. Alcuni esperti li considerano più cronici o gravi rispetto a quelli sintomatici. Questo perché la mancata individuazione precoce e l’assenza di un trattamento adeguato rende più difficile avere una prognosi positiva per la guarigione.


Aneurismi


Sono caratterizzate dall’allargamento delle pareti arteriose, che può portare a emorragie interne. Le arterie possono rompersi a causa del processo, ma possono anche interessare l’aorta, che è l’arteria principale che fornisce sangue al cuore e ad altre aree del torace e dell’addome. Influisce anche sull’afflusso di sangue al cervello.


Si tratta di una condizione che spesso passa inosservata e che può iniziare ad essere trattata solo dopo l’insorgenza di un ictus. I medici decidono di utilizzare una varietà di test in grado di rilevare la rottura di un’arteria o di un’aorta. Di solito non viene somministrato alcun farmaco, anche se nei casi più gravi verrà eseguito un intervento chirurgico d’urgenza.



Glaucoma


Questo include vari disturbi che causano danni al nervo ottico, che possono portare alla perdita della vista. Si inizia con un aumento della pressione del fluido all’interno dell’occhio, quando questo si verifica per selezionare il nervo principale.


Le persone che sono in ritardo nello sviluppo di questa condizione spesso perdono la visione periferica, finendo per perdere completamente la vista. Sebbene si tratti di una condizione asintomatica, può essere rilevata precocemente eseguendo esami d’organo completi mensili o annuali.


Alta pressione sanguigna


È caratterizzato da una maggiore forza del flusso sanguigno, che genera pressione sulle pareti delle arterie. Quando il valore medio della pressione sanguigna aumenta notevolmente, viene diagnosticata l’ipertensione, ma solo quando vengono applicati occasionalmente i test necessari.


Di solito le persone non hanno sintomi, nonostante il fatto che si tratti di una condizione grave. Ha molteplici conseguenze come l’insufficienza cardiaca e renale, ma è anche associata a ictus e attacchi cardiaci. I farmaci sono solitamente somministrati per controllare la pressione, ma è anche importante migliorare la dieta e condurre uno stile di vita sano.


Esistono anche infezioni asintomatiche, spesso definite infezioni subcliniche. La maggior parte delle malattie mentali possono essere incluse anche qui perché per individuarle è necessaria una diagnosi clinica.


Vi consigliamo di leggere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie politica dei cookie. ACEPTAR

Aviso de cookies